Tommaso loraghi «tagliapietre», l’ultimo altare

Simone Sirocchi

Abstract


L’altare della Beata Vergine del Carmine nella chiesa modenese di San Biagio, il più prezioso per i marmi policromi di cui si compone, è qui ricondotto a Tommaso Loraghi (1608-1670), celebre scultore e tagliapietre impegnato nei principali cantieri del ducato estense. Sulla base dell’inedita convenzione tra lo scultore, i frati e Flaminio Cantuti, detentore della cappella, il contributo offre un’analisi stilistica dell’opera, l’ultima prima della morte dello scultore, inquadrandola tanto nell’alveo della sua produzione che nel programma di rinnovamento decorativo della chiesa promosso alla metà del XVII secolo. Nuovi documenti concorrono a chiarire le varie tappe del completamento di questa prestigiosa commissione, terminata dal fratello Antonio (1626-1685), sovrintendente alle fabbriche ducali, e a definirne le migliorie e i nuovi arredi settecenteschi.

Parole chiave


Altare; Tommaso Loraghi; scultore; tagliapietra; chiesa di San Biagio; Modena

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2240-7251/8646

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2018 Simone Sirocchi

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.